Trading online: Corso definitivo di trading per chi parte da zero

Trading online: Corso definitivo di trading per chi parte da zero

Show Video

Ciao benvenuto in un nuovo video qui sul canale di scuola di trading. Per chi parte da zero e vuole diventare un professionista del trading per chi parte da zero senza avere assolutamente nessuna nozione e anche per chi ha già qualche nozione ma ne vuole sapere di più. Oggi faremo una guida completa che ti porterà ad imparare tutto ciò che c'è da sapere sul magico mondo del trading. Andremo a rispondere alle più importanti domande sul trading che cos'è il trading e quanto tempo ci vuole. Quanto capitale. Che cosa bisogna sapere qual è il percorso per imparare e per diventare dei professionisti.

Parlando anche dei mercati finanziari di quelli che sono gli strumenti finanziari e spiegheremo nel dettaglio quelli che sono i vantaggi e gli svantaggi. Partiamo subito. Dedichiamo qualche minuto per capire e rispondere alla classica domanda che cos'è il trading. Partiamo da una distinzione molto molto semplice.

Partiamo da Il Fatto di un commerciante che commercia un bene o un prodotto generico quindi un commerciante qualunque fa un commercio o magari vende frutta vende pesce vende i gelati ok e quindi commercia un bene lui è un commerciante. Il commerciante di trading praticamente che cosa fa. Fa una compravendita di strumenti finanziari quindi chi si mette dalla parte del commercio nella parte finanziaria non fa altro che fare un commercio di un prodotto finanziario ed è dichiarato come praticamente un'attività di speculazione finanziaria che viene detta appunto trading. La persona che dall'altra parte fa questo mestiere è come chi vende gelati si chiama gelataio chi vende pesce si chiama pescivendolo fruttivendolo se vende frutta.

Se io compro avendo strumenti finanziari in maniera speculativa che è molto diverso da un'attività di investimento la speculazione è un'altra cosa. Se io faccio trading dall'altra parte il mio mestiere e il nome di quello che faccio è il trader che è appunto un'attività professionale. Quindi abbiamo capito realmente che cos'è il trading come definizione che cosa fa il trader chiaramente il trader ha bisogno di alcuni strumenti per controllare l'andamento di questi prezzi affinché lui possa vendere quando decide quando lo decide la sua strategia o la sua tecnica di comprare o vendere questo strumento finanziario. Il primo il più famoso strumento che il trader usa per seguire l'andamento dei prezzi che cos'è è il classico grafico.

Sicuramente tutti di voi avrete avranno visto un grafico che può avere mille visualizzazioni differente ce ne sono di tutti i tipi chi non ha mai fatto trading si affaccia per la prima volta può trovare i grafici di tutti i tipi con le linee con le candele con le barre colorati non colorati di mille colori diversi ma si tratta sempre di grafici che rappresentano un andamento dei prezzi. Una delle più importanti domande che si ha generalmente vengono fatte nella community alla quale uno cerca di dare sempre una risposta e quanto tempo mi serve per fare trading beh è importante fare subito una distinzione molto chiara perché il tempo dovete sapere che è una cosa che non potete fermare e non potete comprare e non potete controllare . Quindi bisogna mettersi nero su bianco e capire prima di tutto prima di scegliere che trading fare e quanto tempo dedicarci bisogna capire quanto ne abbiamo per cui nero su bianco Bisogna buttare giù il nostro tempo libero quindi che persona siamo.

Abbiamo una famiglia che lavoro facciamo facciamo un lavoro d'ufficio dalle 8 alle 18 alle 17 facciamo un part time siamo un CEO di un'azienda siamo un libero professionista quanto tempo abbiamo libero ogni giorno e nel fine settimana siamo sei uno studente sei una persona che passa tante ore in università bene tutte queste cose vanno scritte nero su bianco perché il tempo è la risorsa più importante della nostra vita e dobbiamo sapere prima di inserire un qualcosa di nuovo. Quanto tempo abbiamo a disposizione quante forze anche fisiche e mentali abbiamo da dedicarci per questa nuova attività che vogliamo inserire quindi prima di tutto dobbiamo capire quanto tempo abbiamo nel nostro stile di vita. Dopodiché bisogna scegliere uno stile di trading.

Hai capito bene perché il trading ha diverse sfaccettature e non esiste un trading migliore di un altro esiste il trading migliore per te. Per capire ovviamente questa cosa qui bisogna fare una distinzione fra quello che è il capitale a disposizione quindi io devo sapere se ho un capitale di 100 euro se non ho capitale se ho più di 1.000 600.000 ereditato dei soldi dalla vendita di una casa ho un patrimonio. Bisogna capire quanto capitale a disposizione abbiamo.

Bisogna cercare di capire il livello di stress che richiede quel tipo di trading che facciamo perché magari per noi è un tipo di trading che nel tempo sarebbe ideale ma magari ci dà uno stress molto alto che non è fatto per noi. Quindi potremmo scoprire di avere il tempo di fare quell'attività di trading ma d'altra parte sarebbe troppo stressante e quindi non andrebbe comunque bene nel lungo periodo e dall'altra parte dobbiamo fare anche i conti con quello che ci piace quindi con la passione perché se a me piace proprio più uno stile di trading piuttosto che un altro sicuramente se posso scegliere logicamente mi batterò. A studiare e ad analizzare a ricercare più su uno stile piuttosto che un altro. In questa immagine vedete una tabella che affronta proprio i diversi stili di trading. Li vedi sulla sinistra sono quattro stili li andiamo a descrivere velocemente lo scaling in dei lo swing molti e il position trading.

Che cosa noti ovviamente è che attività come il trader lo scaling richiedono un maggiore tempo davanti ai gravi vedi che passiamo da tre a cinque stelle quindi questo significa che il tempo da dedicarci è sicuramente molto più alto quindi vuol dire passare magari qualche ora tutti i giorni o più ore tutti i giorni. Naturalmente se devo stare tanto tempo anche lo stress dato dal fatto che sostengo un rischio molto alto lo stress aumenta di conseguenza ed è consequenziale all'aumento anche del rischio come vedi scalpo ai trader. Sono le due attività più impegnative nel trading dal punto di vista temporale dal punto di vista anche psicologico e anche la conoscenza tecnologica inevitabilmente ha la sua predominanza perché se io devo adoperare delle piattaforme professionali sicuramente nelle entrate o in un'attività precisa come lo scalpo io non ne posso assolutamente fare a meno mentre invece in operatività di più lungo termine come ad esempio il multi position trading. Chiaramente va tutto a decadere quindi il rischio diventa più basso.

La conoscenza tecnologica la padronanza di una piattaforma non fa più di tanto la differenza su un'attività di trading di più lungo termine. Lo stress chiaramente si riduce perché magari prende un'operazione quando sono nel multiplayer a tengo aperta più giorni mentre invece in trader Oscar Ping lo dice la parola stessa intra day nel giorno stesso quindi obbligatoriamente è uno stile che mi porterà a comprare o a fare un'operazione a chiuderla automaticamente nella stessa identica giornata quindi già con questa tabella hai più o meno idea di quello che sono le differenze di tempo da investire di stress e di rischio conoscenza tecnologica e poi vedremo anche più avanti anche di capitale. Perché idealmente in una in una condizione ideale come minimo per esempio per un operatività intra day si sta tra i 3.000 e i 5.000 euro dollari. Per fare questo tipo di attività più il training diventa di più lungo termine e chiaramente per avere magari maggiori ritorni dovremmo avere un capitale un pochettino più elevato. Noi per esempio come minimo diciamo un 10.000 dollari 10mila euro con i quali appunto si può avere minor stress e ovviamente maggiori ritorni.

Sembra un po un controsenso come dire ho un capitale basso e devo rischiare di più. E dall'altra parte ho un capitale magari più alto e rischio di meno. Potenzialmente è un po un paradosso ma chiaramente se uno ha un capitale piccolo è difficile avere un investimento. Un ritorno importante magari con un rischio più più basso e quindi ci sono delle proporzioni chiaramente percentuali che inevitabilmente vanno tenute in considerazione ma di questo ovviamente ne parleremo ancora più avanti.

E per cercare di capire quanto capitale potremmo usare per la nostra operatività. Idealmente non dovremmo dedicare a un'attività di breve termine o comunque un'attività di trading più speculativo non più del 25 per cento della nostra liquidità. Faccio un esempio io ho 100 mila euro.

Mettiamo che questo è tutto il mio capitale liquido o quel capitale che potrei destinare effettivamente all'attività di trading. Il 50 per cento sono 50 mila io dovrei dedicare il 25 per cento per cui 100 mila che sarebbero appunto 25 mila dollari quindi non superare quella cifra da dedicare a uno per attività di trading di breve termine e questo andrebbe fatto come discorso un po su tutti i capitali. Questo è una percentuale per una persona che ha un capitale a disposizione. Ma se io per esempio sono senza capitale perché anche qui no dice Okay non ho capitale 800 100 euro cosa faccio ma apro un conto qualunque col primo broker che mi capita e faccio trading. Assolutamente no.

Ok ci sono dei parametri minimi decenti e che hanno un senso di esistere in relazione alle percentuali di investimento che vanno rispettati se io non ho capitale dovrò prima di tutto incominciare a risparmiare. Quindi cercare di fare un check delle mie spese trovare una formula per risparmiare e mettere via da ogni mese ogni settimana quello che sia un tot di capitale. Per raggiungere un obiettivo finanziario che poi magari mi servirà per fare del 3D o quello che è dall'altra parte c'è anche chi dice Non ho un lavoro e voglio fare trading sbagliato bisogna comunque necessariamente dotarsi prima di imparare a fare trading di una di una fonte di reddito che mi può servire per fare un investimento in studio che poi mi insegna a fare trading e poi a quel punto si prende la propria via e allo stesso tempo anche bisogna considerare che se non hai ancora mai studiato il primo capitale che hai dovresti investirlo assolutamente nello studio perché. Perché il trading incomincia subito ad appoggiarlo è un'attività professionale che va presa assolutamente in maniera seria. Ovviamente non esiste un solo tipo di trading quindi nella fattispecie come abbiamo visto nell'esempio prima sarebbe interessante affiancare un tipo di operatività di più breve termine con un tipo di operatività di più lungo termine. Così l'ideale da avere una piccola percentuale del proprio capitale che lavora in maniera più dinamica più speculativa e gli eventuali profitti di quella parte lì potrebbero essere suddivisi in un 50 per cento per quelle che sono l'integrazione delle nostre spese quotidiane e un resto del 50% potrebbe essere reinvestito in un'attività di trading di più lungo termine e meno stressante.

Ricordo che più l'attività è rischiosa più richiede il tempo da parte tua ma non sempre tu potresti avere quel tempo o magari vorresti avere bisogno di uno stacco quindi è necessario anche il trading avere più operatività che mandano avanti e che muovono il tuo capitale con un diverso rischio questo è un concetto molto importante appunto della diversificazione. Un'altra domanda molto importante a cui andiamo a rispondere è su quali strumenti devo operare qui si apre chiaramente un capitolo molto importante perché dobbiamo andare a parlare di quelli che sono gli strumenti finanziari quindi parleremo di strumenti finanziari puri e gli strumenti finanziari derivati. Quindi qual è la differenza proprio detta in termini semplici gli strumenti finanziari puri sono quegli strumenti che si riferiscono ad un unico strumento finanziario puro. Quindi mi riferisco esattamente all'attività di quello strumento.

Io ti parlo delle azioni di Ferrari e sto guardando l'azione Ferrari le vere e proprie azioni quindi il prezzo ufficiale di quotazione della Borsa di quello strumento finanziario lo strumento finanziario derivato lo dice la parola stessa si dice derivato perchè sto facendo trading o un'attività finanziaria speculativa su uno strumento che è derivato dall'attività di quel sottostante per cui ho l'azione Ferrari che si muove e poi avrò uno strumento magari finanziario che si chiama Ferrari Bis o Ferrari super o Ferrari CFD ad esempio che imita quel movimento e restituisce praticamente lo stesso tipo di movimento ma su un altro strumento finanziario appunto derivato. Ho fatto chiaramente un esempio un esempio di strumento finanziario puro sono le azioni. Un esempio di strumenti finanziari derivati ad esempio sono i CFD di CFD perché sicuramente se sei capitato su questo video magari avrai ne avrai già sentite di ogni appunto sugli strumenti come CFD. Facciamo quindi una cernita vediamo un semplice elenco da una parte abbiamo questa tabella appunto che puoi vedere qui dove abbiamo strumenti finanziari qui li abbiamo tutti praticamente insieme quindi abbiamo azioni obbligazioni. Poi abbiamo i futures le opzioni i CFD il Forex che in realtà è un mercato non è propriamente uno uno strumento classificato come uno strumento finanziario ma proprio un mercato a sé stante.

Poi abbiamo i certificati se poi abbiamo TP che significa Exchange Traded Products quindi prodotti di trading che comprende una famiglia o una famiglia che è divisa in pdf etc. E TN qui non vado a dirti le tre sigle però sono fanno parte della famiglia degli ATP. In questa tabella puoi vedere il riassunto sulla sinistra quelli che sono gli strumenti di cui appunto azioni o obbligazioni sono quegli strumenti PURI appunto mentre strumenti come PDF certificati CFD opzioni e fiducioso Sono tutti strumenti derivati quindi che derivano dall'attività di un'altra. Sottostante in questa tabella puoi vedere riassunto l'orizzonte temporale i capitali la complessità dello strumento e il rischio quindi per l'orizzonte temporale e suddiviso in breve medio e lungo o quando trovi scritto br vuol dire brevissimo quindi praticamente puoi vedere come le azioni vanno bene per fare un'attività speculativa di trading o di banche di investimento perché sono adatte con un orizzonte temporale breve medio oppure lungo. I capitali possono essere bassi medio alti quindi io posso fare trading su azioni con un capitale basso con un capitale meglio con un capitale alto quindi a seconda del mio approccio sullo stesso strumento finanziario posso averlo più speculativo magari con un capitale basso e più da investimento quindi magari con un capitale alto. La complessità varia invece da una complessità bassa media medio alta oppure alta o addirittura altissima come nel caso ad esempio delle opzioni e dei futures che sono degli strumenti derivati chiaramente che hanno un'attività intrinseca di quello che è l'utilizzo della leva e del margine che sono due altri argomenti molto molto più complessi che sicuramente se parte da zero li avrai sentiti ma sono assolutamente argomenti che se parti da zero ti sconsiglio caldamente di incominciare magari da un'attività che richiede l'utilizzo di questo tipo di strumenti perché sono molto complessi da imparare.

Per esempio imparare le opzioni imparare l'utilizzo dovresti prima imparare bene i mercati e lo strumento puro su cui magari si basano quelle opzioni o puoi capire come funzionano quegli strumenti derivati e ti posso dire che non è una cosa che si imparano. Si impara in pochi giorni ci sono tantissimi professionisti che lavorano su opzioni e fiducioso che hanno impiegato anni per imparare in maniera professionale a utilizzare questo tipo di strumenti e ovviamente molto strumenti molto complessi. Capitali anche volendo bassi ma che comunque possono dare dei ritorni di guadagni molto molto importanti ma allo stesso tempo hanno un rischio molto molto alto. è sufficiente che ti documenti un attimo per capire che cosa è successo con le opzioni e con i fiducioso durante la pandemia durante il marzo aprile del 2020 su diversi conti per capire che non si tratta di strumenti con i quali ci si può giocare quando inizia a studiare trading da zero. Andando avanti ovviamente dopo aver parlato di quelli che sono gli strumenti finanziari aver fatto una divisione anche un po un prospetto grazie a una tabella possiamo parlare di quelli che sono i mercati finanziari. Dobbiamo innanzitutto dare una definizione di mercato il mercato come abbiamo visto prima l'esempio del commerciante che commercia dei beni o commercio dei prodotti finanziari .

Anche qui il mercato non è altro che un luogo di contrattazione e di scambio solamente che in un mercato finanziario farò commercio di prodotti finanziari quello che esattamente abbiamo detto prima intorno chiaramente agli anni 90 c'erano le sedi fisiche del mercato dove c'erano gli agenti di borsa che come puoi vedere nel film Una poltrona per due sono lì che urlano con i fogli e cercano di scambiarsi questi contratti e prendere gli ordini di tutti i clienti delle varie banche. Ebbene oggi tutto questo viavai in questa confusione che c'era nei film non c'è più perché i mercati sono diventati quasi tutti praticamente elettronici e nelle sedi fisiche che ovviamente chiaramente ci sono esiste la Borsa di Milano eccetera ma sono luoghi che ospitano i server quindi i computer che permettono appunto le contrattazioni di scambio per tutto il mondo quindi tu puoi fare trading online perché appunto hai a disposizione una rete Internet una rete di server che ti mettono in comunicazione con le Borse di tutto il mondo quindi oggi nelle sedi fisiche non trovi più appunto quello che era la classica contrattazione tra virgolette a mano di quelli che erano gli scambi di strumenti finanziari ma troverai dei server chiaramente che sono dedicati alle contrattazioni completamente elettroniche i mercati finanziari vanno sempre distinti in mercati regolamentati e mercati non regolamentati. Cosa sono i mercati regolamentati sono mercati che lo dice la parola stessa hanno delle regole che sono trasparenti che sono uguali per tutti e sono sorvegliati da degli organi di vigilanza quali per esempio in Italia la Consob appunto. In Inghilterra ce ne sono altri abbiamo per esempio un altro organo di vigilanza che la Sec. Sono tutti appunto organi di vigilanza che sorvegliano i mercati regolamentati.

Quindi tutti gli strumenti che sono scambiati sui mercati regolamentati godono appunto di queste regole comunque trasparenti che ti permettono di poter fare una operatività sicuramente professionale che ti mette alla stessa altezza magari del tuo di un'altro trader con il tuo stesso conto chiaramente o comunque entrambi vedete gli stessi prezzi. Non ci sono cose strane o piccoli sotterfugi nei mercati non regolamentati invece sono mercati con meno restrizioni quindi non è che non ci sono delle regole ci sono ma chiaramente sono totalmente meno stringenti e su questi mercati per esempio uno di questi è il Forex. Chiaramente non ha le restrizioni di un mercato dove tu compilazioni Ferrario è pool ma un mercato del forex chiaramente non ha quelle restrizioni perché è un mercato completamente diverso è un mercato fatto per uno scambio di valute. Chiaramente sono differenze importanti su questi mercati non regolamentati per esempio può trovare degli strumenti come i CFD che non sono appunto strumenti che vengono scambiati sui mercati regolamentati. Quindi abbiamo detto avviene uno scambio trasparente sul mercato regolamentato c'è una borsa centralizzata con delle importanti regole rigidi rigide di controllo e vigilanza un accesso uniforme quindi le stesse informazioni sono visibili per tutti. Ci sono delle eccezioni chiaramente io non avrò la stessa tecnologia che magari utilizza un fondo per fare trading sul mercato regolamentato o scambiare i pacchetti di azioni ma allo stesso modo comunque le regole comunque di contrattazione sono uguali per tutti.

E proprio la Borsa stessa che mette in relazione compratori e venditori. Io potrei potenzialmente comprare delle azioni che mi sta vendendo comunque un fondo o una banca che magari sta vendendo in più tranches le sue migliaia di miliardi di azioni. E io sono uno di quei tanti piccoli trader che in quel momento magari sta comprando perché la Borsa stessa che mette in relazione quello che il compratore con il venditore. Altra nota importante sono gli orari di contrattazione che chiaramente sono orari specifici e prestabiliti quindi il mercato azionario ha un orario chiaramente a seconda del continente e dei vari fusi orari ma ogni Borsa del mondo ha i suoi orari e quindi necessariamente anche gli strumenti finanziari scambiati sui due mercati godono praticamente di quella di quegli orari che sono specifici e prestabiliti. Ora una domanda che ti potrebbe sorgere spontanea è ok ma io come faccio a comprare questi prodotti finanziari sulla Borsa. Come faccio a collegarmi alla Borsa per comprare e vendere quelli che sono i miei strumenti.

Bene in mezzo a te che sei il cliente e alla Borsa che è l'obiettivo che vuoi raggiungere dove vuoi fare le tue compravendite si trova il broker quindi il broker è un ente terzo che non fa altro che prendere in carico gli ordini che tu vuoi fare quindi vuoi comprare. Insomma il mercato compri dieci dieci mele glielo dici al garzone che compra appunto che che ti mette nella bustina dieci mele il garzone che ti mette le mani nella bustina in questo caso è il broker quindi tu al broker comunichi elettronicamente con una piattaforma. Voglio comprare dieci azioni al prezzo di 120 dollari. Perfetto.

Il broker ti metterà in una coda e eseguirà cercherà di eseguire al meglio e al più presto possibile. Qualora il prezzo venga a raggiungere quello che hai chiesto tu perché poi sei tu a decidere a quale prezzo vuoi comprare comunque le azioni o poi puoi decidere di comprarli invece al primo prezzo disponibile quindi il primo che te le vende. Tu puoi andare ad acquistare e sarà il broker che eseguirà esattamente quello che gli hai chiesto tu. Quindi ti sarà già venuto in mente il fatto che il broker dovrebbe dico dovrebbe essere un tuo amico quindi dovrebbe essere una persona che ti facilita la compravendita di quello che tu vuoi fare sul mercato.

Quello che conviene per te logicamente a lui pagherai una commissione per quello che ti fa e quindi ci sono dei broker che con tutte le loro commissioni eccetera. Quello più vantaggioso o meno vantaggioso più veloce meno veloce. Va bene. Ma chiaramente devi capire che il broker tra virgolette deve essere un tuo amico deve aiutarti a fare questo se il broker invece si muove su dei mercati non regolamentati ti mette degli strumenti che non sono ufficiali si trova con delle sedi che magari non sono quelle che godono di una vigilanza rigida regolamentata. Attenzione perché potresti incappare inevitabilmente in una delle tantissime truffe che girano in rete ed è anche questo uno dei motivi per cui ho deciso di fare questo tipo di guida direttamente appunto da quello che è stato l'argomentazione del broker passiamo a quello che è il mercato non regolamentato e i metodi di scambio su un mercato non regolamentato . Da che cosa avvengono. Il discorso della movimentazione non trasparente.

Dal fatto che il trader non conosce quello che sono la maggior parte dei movimenti di quel mercato quindi se già è difficile riuscire a conoscere e a capire i movimenti in un mercato regolamentato anche per professionisti e retailer figuriamoci se uno su un mercato regolamentato che con meno restrizioni. Quindi ognuno può veramente fare un po quel che vuole quindi in uno stagno piccolo e poi trovarci pesci giganteschi che sono in grado di assorbire tutta l'acqua di quello stagno tu che sei un pesciolino rosso rimani lì e non hai più spazio per muoverti. Puoi capire come è molto molto più facile se sei alle prime armi e cominci da zero incappare in uno di questi condizioni che sicuramente giocherebbe a tuo svantaggio.

Il tipo di accesso a questo mercato sarebbe chiaramente limitato generalmente fatto da piattaforme poco professionali che però ti fregano o ti prendono in giro perché si presentano come molto facili da utilizzare. Quindi uno dice wow ma perché io devo utilizzare questa piattaforma così brutta graficamente così complicata non capisco neanche cosa vogliono dire tutti questi bottoni queste funzioni quando c'è un'altra piattaforma dove c'è un bottone verde un bottone rosso compravendita passando è tutto molto molto facile bene questa la maggior parte delle volte è uno specchietto per le allodole perché fanno in modo chiaramente di attirare il con la persona che inizia da zero su sui mercati finanziari facendogli credere che sono lì a fare esclusivamente i loro interessi e quindi ti fanno la piattaforma facile ti fanno live ti danno la possibilità di copiare un trader che guadagna sempre o ti danno mille altre possibilità o ti scrivono commissioni gratis in realtà poi tu quando vai a comprare subisci un problema di spread dato da dallo strumento finanziario che ovviamente non è regolamentato. Queste sono tutte caratteristiche insite sia negli strumenti finanziari che nei broker stessi quindi altra cosa ricordati che il broker non verrà mai a cercarli per farti aprire un conto i broker con i quali lavoriamo noi tutti i giorni professionali dove abbiamo i nostri capitali e ci facciamo un'attività professionale professionale vuol dire di lungo termine non vuol dire che la faccio oggi per un mese o triplicato il mio capitale e tanti saluti no.

Chi lo fa di professione lo fa tutti i giorni o lo vorrà fare fino a quando la propria salute e il proprio stato economico glielo permetterà. Quindi è necessario trovarsi assolutamente in una situazione di affidabilità ed è quella che noi utilizziamo tutti i giorni e non sono piattaforme appunto di questo tipo sono piattaforme comunque complesse dove ti ci devi mettere devi studiare devi capirle devi fare delle prove devi incominciare con calma e poi piano piano impara il loro vero utilizzo però sai che stai lavorando su un mercato organico su un mercato con delle regole su un mercato vigilato. Quindi questa parte è molto importante la controparte abbiamo detto che prima e la Borsa stessa sul mercato regolamentato che mette in relazione il compratore con il venditore grazie appunto alla distribuzione degli ordini di acquisto e vendita fa trovare appunto gli incroci e fa realizzare appunto quella che è la transazione. Quello che tu vedi l'ultimo prezzo battuto è una transazione di qualcuno che ha comprato con qualcuno che ha venduto a quel prezzo che è stato battuto nel mercato non regolamentato la controparte non è un altro venditore è lo stesso broker per cui quando tu clicchi compra tu non stai comprando da qualcuno che sta vendendo per un'esigenza l'altra parte ma stai comprando dallo stesso broker che ti mette a disposizione nel momento che vuoi comprare la liquidità che tu chiedi Ok quindi se per farti un esempio tu puoi comprare le azioni a 100 dollari ma non c'è nessuno che televendita 100 dollari tu sul mercato regolamentato non lo compri. Se io vado a comprare le mele e le mele sul banco non ci sono io non posso comprarle quelle mele. Questo è il mercato regolamentato il mercato non regolamentato fa sempre in modo che ci sia liquidità quindi in una condizione di esempio con le mele io vado al mercato il bancomat apparentemente non ha niente.

Chiedo delle mele e compaiono per magia nonostante che il banco sia vuoto perché c'è sempre qualcuno che garantisce una liquidità e chi è quel che garantisce la liquidità. Beh il broker stesso ok quindi tu vai a comprare degli strumenti che sono fatti dal broker praticamente sono contratti derivati e penso per esempio ti sto facendo l'esempio di CFD che significa contract for differenza che non è altro che un contratto fatto dal broker che ovviamente vede e conosce completamente la tua operatività perché vede i tuoi ordini. Ok quindi chiaramente e come l'abbiamo detto più volte è come giocare una partita a poker dove il tuo avversario che ha molti più colpi da sparare è dalla sua parte ti sta vedendo le carte come fare una partita di poker a carte completamente scoperte.

Quindi quando sei su un mercato non regolamentato su questo tipo di questi tipi di broker. Con questi tipi di piattaforme fatte in questo modo e degli strumenti di questo tipo sai che ovviamente è difficile costruirsi magari un'attività professionale. Anche qui ovviamente gli orari. Da una parte un mercato regolamentato abbiamo degli orari definiti e molto chiari chiaramente un braccio su un mercato non regolamentato o un mercato per esempio come il Forex potremmo avere delle contrattazioni anche più di 24 ore su 24 delle schermate successive in queste schermate puoi vedere gli orari per esempio del mercato azionario quindi la sessione americana la sessione europea che comprende Londra Milano e la Borsa tedesca dell'Ocse. E poi la sessione asiatica. Come vedi sono orari ben precisi e definiti e c'è una sovrapposizione appunto tra quella che è l'America e l'Europa nella fattispecie noi praticamente iniziamo il nostro trading sul mercato americano praticamente alle 15:30 quelle in quel lasso di tempo.

Noi probabilmente abbiamo l'opportunità di lavorare alla giornata americana e quindi sono orari ben specifici e stabiliti se guardi le sedute del Forex invece abbiamo la partenza della sessione americana. A seguire la sessione europea con Londra poi la sessione asiatica che comprende Tokyo e Sydney. Come vedi la sessione dell'Australia va a sovrapporsi esattamente al Nyse quindi alla contrattazione all'orario di contrattazione del Forex americano per cui praticamente è un continuo una 24 ore su 24 quindi questo ovviamente cambia le carte in tavola perché se io opero su un mercato con degli orari prestabiliti avrò dei movimenti che avvengono in certi orari prestabiliti perché non possono avvenire al di fuori di questi.

Se invece lavoro su un mercato che è aperto 24 ore su 24 un altro mercato che mi viene in mente sono per esempio della cripto valuta che non stiamo parlando di classici strumenti finanziari scambiati sui broker. è un altro argomento però anche lì è un mercato aperto 24 ore su 24 quindi e diventa difficile cercare di capire quali sono i momenti migliori dove ci sono i movimenti migliori. Bene siamo arrivati ad un punto molto importante una delle domande più importanti a questo punto è come faccio per iniziare quindi io sono da zero partendo da zero non so assolutamente niente qual è la prima mossa da fare cosa devo fare per primo.

Per rispondere a questa domanda ho deciso di suddividere la risposta in quattro macro categorie molto importanti sono chiamati i quattro pilastri che ti guidano da zero fino alla all'evoluzione di un trader professionista quindi ti ricordo che il trading il trading è un'attività professionale è un mestiere che va preso sul serio e lo vedrai a breve perché ti spiegherò appunto quali sono i pilastri importanti da seguire. Prima di tutto perché dovrei avere un percorso perché è sempre importante nella vita avere un obiettivo da raggiungere perché mi permette di pianificare e di cercare di distribuire al meglio tutte le mie forze a livello sia economico che temporale questo l'abbiamo visto un po all'inizio. I pilastri sono lo sviluppo delle competenze perché come avrai capito non puoi fare trading senza competenze. Dall'altra parte la pratica e l'operatività. Il terzo stadio è quello della ricerca dell'approfondimento e dell'esperienza e infine avrai bisogno necessariamente di stabilità e quindi avere poi degli obiettivi di miglioramento.

E qui ci sarà poi la nota molto importante perché udite udite il trader ha anche ovviamente degli sbocchi lavorativi anche se non esistono ufficialmente le scuole però così è. Partiamo quindi con il primo step importante la formazione. Tra questi possiamo ricordare libri video corsi stare a contatto con un radar capire quali sono le materie del radar e le certificazioni perché esistono anche delle certificazioni che ti permettono chiaramente di completare la tua preparazione.

Libri i libri servono ovviamente. In che punto fino a che punto possono servire se parti da zero sappi che un libro potrebbe non essere la soluzione giusta per iniziare tu penserà che un conflitto di interessi. In realtà no perché se sei nella mia community e conosci un pochettino la mia storia sai che io sono. Se tu sei da zero beh io cinque sei anni fa sono partito esattamente da zero quindi non sapevo assolutamente niente del trading ero su internet a navigare a cercare e cosa ho fatto io per la prima volta ho comprato un libro e l'ho letto l'ho divorato ma non ci ho capito esattamente niente prima di tutto perché il libro ha un grosso limite che riguarda la materia stessa del trading ricordati che il trading è pratico.

Il libro invece non potrà far altro che darti delle importanti nozioni teoriche ma sostanzialmente saranno sempre teoriche avrai bisogno di uno sprint di un qualcosa di una molla di uno scatto che ti può far guidare e ti può far arrivare alla pratica bene. Dopo aver fatto dei semplici video corsi anche inizialmente gratuiti quindi dove hai una persona che a video ti fa vedere come si apre una piattaforma dove devi andare per leggere un grafico eccetera quel libro quando torni indietro praticamente lo vai a rileggere ed è a questo punto diventerà assolutamente più chiaro quindi i video corsi . Se ti stai chiedendo se servono davvero. Assolutamente sì perché il trading è pratico quindi tu puoi leggere 100 libri ma non capire assolutamente niente fai un corso metti in pratica un tipo di operatività una routine un qualcosa e a quel punto quello che hai letto nel libro sono competenze in più che chiaramente ti arricchiscono ma se non hai la pratica che ti dà un possibile video corso allora andrai necessariamente molto bollente potresti non riuscire mai ad arrivare a quello per attività che vuoi raggiungere.

Un altro passo della formazione importante è quello di scegliere un trader magari da affiancare da seguire sia esso online o sia esso proprio di persona magari in una training room ci sono situazioni per esempio di formazione che abbiamo anche noi nella nostra community Adobe dove dopo un percorso completamente online hai un percorso di formazione dal vivo con delle lezioni in aula. Puoi essere seguito da un trailer puoi acquistare dei pacchetti e trattare insieme appunto all'altra idea che ti fa formazione che ti segue e ti controlla la tua operatività questo è uno step di formazione importante oltre a quello che sono i libri i video corsi e ovviamente il contatto proprio reale. Ad oggi il qui ed ora con un trader le materie del trader quando uno dice ok che cosa devo studiare. Nel trading Beh sicuramente la base le cose che deve inizialmente sapere che esistono e che sono importanti da capire sono l'analisi tecnica e l'analisi fondamentale.

Queste materie chiaramente ti aprono poi la via se le studia correttamente e approfondisce tutto il discorso ad ottenere delle certificazioni come per esempio la Fiat Società Italiana di Analisi Tecnica oppure lista quindi Federazione Internazionale degli analisti tecnici te lo dico in italiano ma la sigla è completamente in inglese perché è lo stesso tipo di riconoscimento ma mondiale ad esempio nella nostra community abbiamo Alessandra Moretti che ha ottenuto il massimo riconoscimento dell'Istat. Ora questo non ti fa necessariamente diventare per forza un trader perché come visto puoi fare un trading di più breve termine o di più lungo termine di quello che sarà troverai poi il tuo stile. Ma la certificazione certifica che tu sia una persona che ha determinate competenze per poter stare davanti al mercato per poterne parlare del mercato e per poter fare delle analisi che hanno una solida validità statistica. Apriamo una piccola parentesi su quello che è l'analisi tecnica. Lo scopo dell'analisi tecnica è quello di studiare i prezzi a fondo studiare il qui e ora e studiare. In passato chiaramente per analizzare e costruire un piano di trading che mi dà il suo più il suo sviluppo più probabile quindi lascia perdere quando.

L'analisi tecnica usata per prevedere il futuro che l'analisi tecnica è fallimentare. Purtroppo ho aperto questa parentesi perché in tante situazioni sentirai dire che l'analisi tecnica non serve a niente. Quindi a seconda di quello che gli serve di mercato la useranno come una cosa buona o come una cosa negativa.

Peccato che poi per esempio nelle situazioni dove ti dicono analisi tecnica non serve a niente è il prodotto che ti presentano come la soluzione analisi tecnica non serve a niente è un prodotto che nasce dall'analisi tecnica questo è nove volte su 10 trovi pubblicità di questo tipo quindi attenzione perché non sono altro che fregature che cercano di far leva sul fatto che tu magari hai avuto delle perdite e di riconoscere vedi tu guardi i grafici per analisi tecnica bene guarda io ti insegno invece a guardare i volumi beh peccato che i volumi facciano parte dell'analisi tecnica perché l'analisi tecnica è un unico grande campo che comprende al di sotto altri sette campi quali per esempio l'analisi volumetrica l'analisi grafica l'analisi quantitativa l'analisi dell'ampiezza l'analisi del sentiment l'analisi dei flussi di capitali e altri svariati campi che chiaramente con l'evoluzione non fanno altro che andarsi ad arricchire i tre principi più importanti dell'analisi tecnica. Vanno assolutamente statuti e capiti per intero e proprio a fondo i prezzi scontano tutto. I prezzi si muovono in trend e la storia si ripete. Quando sento dire perché oggi dovrebbe ancora funzionare questo tipo di tecnica se i mercati sono cambiati perché la storia si ripete perché le emozioni delle persone si traducono nel movimenti sul mercato ti sei mai chiesto perché i mercati salgono molto lentamente e scendono alla velocità della luce. Ti sei chiesto perché a marzo del 2020 il mercato ha perso il 30 per cento che era tutto un movimento che sarà fatto nell'arco di oltre due anni e l'ha perso neanche in un mese. Ti sei fatto questa domanda bene perché dietro c'è paura.

Quando il mercato si muove negativamente le persone scappano perché le persone anche se i mercati oggi sono cambiati. La paura di oggi è l'euforia di oggi sono uguali alla paura che c'è stata nel 1929 nella crisi del 2008 e in altri momenti importanti di crisi che hanno segnato eventi storici. Sul mercato quindi quando ti chiedono perché dovrebbe funzionare ancora oggi questo tipo di tecnica perché alla base di questa tecnica ci sono le emozioni e le emozioni finché ci saranno le persone sul mercato che alle persone piaccia stare sul mercato altrimenti ci sarebbero solamente macchinette. Però a quel punto non ci sarebbe più neanche il gusto del mercato. Quindi le persone stanno sul mercato perché gli piace stare sul mercato non perché siano schiave o perché siano obbligate quindi fino a quando saranno sul mercato avranno sempre un influsso di emozioni che influiranno o orientativamente per forza su quelli che sono i movimenti del mercato quindi i prezzi secondo Erodoto significa che quando io mi aspetto un certo movimento di prezzo probabilmente l'analisi tecnica quindi l'analisi dei prezzi il movimento del prezzo è già stato fatto. Quindi ha già scontato quella notizia quella aspettativa ecc.

Ok quindi ok oggi l'Hezbollah ha presentato un nuovo telefonino allora domani per forza le azioni saliranno o no magari sono già salite 15 giorni fa le azioni e quindi oggi che esce il telefonino. Le azioni scendono perché gli investitori incominciano a vendere perché hanno già preso tutta la salita e quindi come si dice no comprano rumore e vendi la notizia. Quindi un po questa è l'idea poi nella pratica chiaramente ci sono strategie ci sono tutte le varie tecniche ma i prezzi scontano tutto in poche parole significa questo i prezzi si muovono in trend quindi se c'è un trend all'orizzonte più probabile che questo continui piuttosto che in. Quindi generalmente è un'idea quasi sempre sbagliata cercare di anticipare un'inversione che non ha nessun segno nell'analisi del qui ed ora in un'analisi precedente del fatto che possa cambiare da una direzione al rialzo a una deviazione al ribasso. E la storia si ripete. Te l'ho già spiegato

è legato semplicemente a quelle che sono le emozioni. Andiamo più rapidi sull'analisi fondamentale che in realtà è molto molto complessa. Quello che deve sapere un trader sull'analisi fondamentale se fa soprattutto una operatività di più lungo periodo di ampio respiro deve capire che è una disciplina che studia.

Cause che generano il movimento dei prezzi quindi si basa tutto sull'analisi e sullo studio dei bilanci. Ok quindi io vado a vedere se un'azienda in salute se fattura se le vendite sono in crescita se non ha debiti. Quali sono i suoi indici di redditività. Come stanno i suoi multipli di mercato. Quindi faccio un'analisi dello studio dei bilanci se tutto questo rientra in un clima di positività allora per me che guardano analisi fondamentale ovviamente è un segno positivo nelle tecniche di oggi. Chiaramente si mette in relazione a quella che è l'analisi tecnica e l'analisi è fondamentale per aumentare chiaramente la potenzialità di questi titoli e la profittabilità anche di questi titoli è uno dei nostri importanti percorsi di studio insegniamo proprio una tecnica di investimento che unisce l'analisi tecnica e l'analisi fondamentale.

Se io prendo queste due discipline fra di loro sono sempre state in combutta e si sono sempre scontrate diciamo l'una con l'altra. E quindi l'analisi fondamentale appunto è lo studio dei bilanci ora non è che sono io che devo andare a studiare il bilancio di quell'azienda a fare i propri conti. Ci sono dei siti come per esempio qui puoi vedere una schermata di quello che sono i bilanci di apple che ogni tre mesi vengono aggiornati perché ogni tre mesi l'azienda fa la trimestrale quindi rilascia il proprio stato degli utili e vengono comunicati dei dati ufficiali a tutti gli investitori chiaramente questi dati non devono essere fasulli perché se no gli amministratori delle aziende rischiano appunto il carcere. Ok ci sono informazioni pubbliche che vengono rilasciate a tutti gli investitori vorrebbe dire aver fatto un falso in bilancio quindi questi dati devono essere necessariamente corretti. Quindi grazie alla visualizzazione di questi dati io posso capire se l'azienda ha prospettive di crescita ma ovviamente l'analisi fondamentale non mi dice esattamente quando è il momento di comprarla soprattutto se faccio trading se faccio un'attività di più breve termine. è importante capire quando comprarla e quando venderla ed ecco che qui viene in aiuto l'analisi tecnica quindi l'analisi tecnica può essere un'attività a sé stante oppure può essere rafforzata magari con analisi fondamentale.

Se voglio fare ad esempio una un trading di più lungo termine puoi vedere qui in questa tabella un po quella che sono le caratteristiche dell'analisi tecnica è fondamentale come vedi appunto l'analisi tecnica studia il movimento dei prezzi mentre la fondamentale studia le cause i rischi con l'analisi tecnica. Quali sono. Beh se io non guardo l'analisi fondamentale rischio di comprare delle aziende di cui non conosciamo assolutamente il business magari c'è l'azienda X Y l'ho comprata perché di analisi tecnica molto buona ma non so assolutamente quali sono i suoi prodotti. Che cosa vende che cosa fa sul territorio se un'azienda cinese americana tedesca boh non so niente quindi è un rischio. D'altra parte con analisi fondamentale abbiamo capito che si rischia di comprare nel momento sbagliato l'analisi tecnica è ottima per capire il timing di quanto entrare mentre invece l'analisi fondamentale è ottima per selezionare le aziende che poi andranno tenute sott'occhio e magari andranno con analisi tecnica andrò a capire qual è il momento migliore per comprarle.

L'attività si chiama stock parking quella di selezione appunto delle aziende quindi come se fosse una vera e propria pesca il tempo con analisi tecnica sono in grado di analizzare decine di aziende in maniera molto molto rapida ed efficiente. Ed è una materia di semplice apprendimento comunque non è una materia che richiede di studiare quanto magari un notaio ad esempio per fare un esempio. E mentre l'analisi fondamentale invece se io dovessi fare da solo. Immaginatevi i bilanci di un'azienda come Amazon beh mi occorrono anni innanzitutto per imparare questo tipo di disciplina e molto tempo per analizzare un singolo bilancio.

Ok perché se scorrendo dieci grafici sono in grado di capire più o meno la condizione di queste dieci aziende con analisi fondamentale devo prima necessariamente imparare tutta la materia e poi ci metterei anni per analizzare un singolo bilancio quindi ecco che l'unione fra le due chiaramente può essere di aiuto. Ritorniamo al nostri step abbiamo visto appunto lo Step 1 che è quello della formazione che ho fatto una chiara panoramica di quello che ti serve per incominciare a farti le competenze questo è il primo step potrebbe richiedere. Tre mesi fino a un anno non deve assolutamente andare di fretta devi studiare con calma scegliere dei percorsi seri professionali quindi assicurati che magari i tuoi formatori o il tuo formatore sia per esempio un analista tecnico certificato sia oppure un analista tecnico certificato Istat non abbia solo dalla sua i classici risultati di trading che sì sono importanti ma dall'altra parte è importante anche trasmettere competenze perché senza le competenze magari con la stessa strategia che a me fa guadagnare a te magari non fa guadagnare quanti di voi hanno fatto un corso di trading di qualcuno che fa una sedia che guadagno ma loro non riescono a guadagnare. Questo perché.

E che cosa vi servirebbe in più mi servirebbero delle competenze perché magari non riuscite a fare di voi la vostra strategia riuscite voi a trovare la vostra strada migliore e riuscite a capire qual è il vostro stile migliore di trading però per farlo vi servono delle competenze e una persona che un analista tecnico certificato. Queste competenze le ha perché ha una certificazione che lo dimostra a dispetto ovviamente di tanti altri trader che possono avere risultati magari fiammanti ma non sono in grado assolutamente di insegnare una tecnica che sia magari anche replicabile. Passiamo allo step 2 pratica e operatività dopo aver fatto le competenze abbiamo detto che il trading è pratico quindi lo step 2 può essere iniziato anche un po a cavallo di valore lo Step 1. Ricordatevi che dovete avere sempre un approccio statisticamente valido e replicabile. Non esiste una strategia che si muove sempre solo su quello che è il sentimento di quel trader in quel momento perché quella strategia lì la può usare solo il trader che fa tutti i giorni ma non la può insegnare.

Quindi voi dovete avere una strategia che sia stata anche testata ci siano dei test che parlano chiaro al di là dell'operatività del trader proprio anche sistematici che è una strategia che ha funzionato funziona oggi ha funzionato in passato e ad alte probabilità di funzionare anche nel futuro e che sia replicabile . Perché se ripeto non la posso fare perché non ho abbastanza capitale perché la piattaforma è accessibile solo da un sistema di una banca. Perché ci vuole un super computer quantico da migliaia di dollari eccetera.

Allora queste non sono strategie replicabili per chi vuole iniziare a fare trading. Ok vi ricordo inoltre che la complessità della strategia non è correlata alla profittabilità. Ci sono grandi trader che lavorano dentro fondi che lavorano con trend line con delle tecniche molto semplici con delle porzioni di capitale chiaramente più piccole ma riescono comunque a ottenere importantissimi risultati. Quindi togli dalla testa che ok più il grafico è carico di informazioni e più qualora questo sistema è valido non è assolutamente vero. Ok questo è importante. Cosa Adobe dovresti fare prima di partire chiaramente con l'operatività beh dovresti fare dell'operatività il simulatore grazie ai tempi di oggi abbiamo la possibilità di simulare l'operatività di trading e quindi fare trading in demo e questo ci permette di imparare le piattaforme capire gli strumenti finanziari e capire come funzionano gli ordini come funziona comprare vendere ripararsi da una perdita ripararsi da un profitto eccetera.

Queste sono tutte nozioni e tutte cose che possiamo fare in simulato senza rischiare nemmeno un centesimo magari dovremmo pagare un piccolo abbonamento per una piattaforma però potremmo avere la possibilità di fare trading in simulato quindi stabilire una operatività e una routine e una profittabilità anche in demo sicuramente un punto fermo per incominciare a fare trading sul serio. Dovrai imparare a tenerti subito un diario di trading e a fare una revisione delle statistiche quindi ogni giorno o ogni settimana quando sarà la tua operatività ti scriverà di quelle che saranno le due operazioni i tuoi sentimenti e le tue emozioni in quel momento perché la psicologia gioca un ruolo molto importante soprattutto se vai a fare un trading di breve termine e ovviamente fare una revisione delle statistiche questa è la cosa più importante. Non esiste. Ok sto andando bene o che sto andando male ho guadagnato più 100 ho perso meno 100 ma esistono le statistiche. Quando tu hai guadagnato 100 quanto hai rischiato quando tu hai perso 100 quanto aveva rischiato hai perso 2 3 4 5 volte quello che avevi preventivato di rischio oppure hai perso meno di quanto ti eri preventivato. Quando hai perso hai seguito le regole seguite quando hai guadagnato hai seguito le regole o non le seguite. Tutte queste. Domande sono le domande di statistica quanto su 103

quanti hanno chiuso in profitto e quanti in negativo più del 50 per cento. Meno del 50 per cento quando è chiuso un trend in profitto. Quanto hai guadagnato rispetto a quanto hai rischiato.

Queste domande come per esempio il rapporto rischio perdita o rapporto rischio rendimento sono tutte nozioni statistica che vengono fornite e che tutti i trader professionisti tengono in considerazione quindi alla domanda guadagni non guadagni. Il trader professionista sa sempre quali sono le sue statistiche magari a un mese posso anche perdere può saperlo da una settimana posso perdere un giorno posso perdere un anno ma le mie statistiche nel mio storico parlano chiaro magari quell'anno in perdita non è altro che una piccola discesa all'interno di una grandissima salita di risultati quindi fate in modo che siano sempre le vostre statistiche matematiche reali a parlare e mai quello che è il vostro sentimento di come è andata oggi come è andata domani. Perché tanto l'attività di trading si fa tutti i giorni per tutta la vita per lungo termine quindi il ragionamento sarà sempre sul lungo periodo. Ricordatevi che quando passerete per la prima volta dal demo quindi da una operatività in singolo Adobe a una operatività reale necessariamente quasi tutte le volte si inizierà sempre con delle perdite con un drop down. Si chiama quindi avrete una condizione di perdita per poi continuare ad applicare la vostra strategia tenendo sotto controllo le vostre regole e le vostre statistiche.

Stabilire una galleggia abilità ricordatevi che se continuate a guadagnare perdere Stare intorno allo zero e uno Stato che si chiama galleggia abilità. Ma intanto avete già stabilito uno step successivo. Il galleggiare vicino allo zero. Vi posso assicurare che nel mondo del trading è già un grande successo vuol dire che avete già fatto un grande passo avanti avete innanzitutto tolto il drop down e questa è una cosa fondamentale da riuscire a fare e te ne accorgi perché c'è proprio una fase della carriera in cui c'è quella famosa galleggia abilità dove non vai troppo su né troppo giù stai lì intorno. Ma intanto ti tieni il tuo capitale. Che arriverà col tempo e con la buona volontà e con la fiducia e con la continua ricerca e sviluppo la profittabilità.

Bene quindi dopo il passaggio reale ricordati che avrai a che fare sempre con la tua psicologia quindi nel momento in cui avrai una perdita un down una negatività una giornata negativa o una settimana negativa. Ogni volta è necessario che tu analizzi quella perdita e cerchi di portarti a casa una lezione che ti porti qualcosa di positivo. Ricordatevi che i trader professionisti che tutti i giorni guadagnano sui mercati quelli onesti ti diranno sempre che inizialmente nella loro carriera hanno perso soldi non esiste il trader professionista che ha iniziato e ha iniziato e fai risultati che magari fa oggi.

C'è arrivato gradatamente e sapete che cosa li ha portati al successo e al guadagno le perdite perché dalle perdite che si impara a trovare quelle che sono le milizie e quelli che sono i miglioramenti della strategia e di noi stessi per trovare la profittabilità. Ok quindi la psicologia mi raccomando va di pari passo con quella famosa curva di crescita. Quindi nel momento in cui si è introdotto nella mia psicologia deve rimanere lucida e devo continuare ad analizzare il perché per come le cose non sono andate magari per il verso giusto. E da lì trovare una lezione che mi dà qualcosa di positivo che mi fa portare a casa dei risultati ed ecco quindi che poi la curva inizierà a salire verso la galleggia abilità continuerò a ricercare e a stare concentrato e a valutare le mie statistiche in maniera molto lucida e poi raggiungerà infine la profittabilità quindi questo è quello che ti aspetta.

Ok quindi non ti sto dicendo che guadagnerà domani come fanno magari la maggior parte delle persone ma ti sto ponendo di fronte ad un fatto reale quindi quando se decidi di iniziare e te lo auguro di diventare il miglior trader di te stesso perché devi trovare poi la migliore versione del trader di te stesso. Assolutamente questo è quello che ti aspetterà. Se magari sarà meno violento di quello che mi hanno prospettato sarò ovviamente sarà ancora meglio per te.

Ma tu sappi che il 98 per cento delle volte la strada è questa e tortuosa è un mestiere professionale è una bella sfida con te stesso. Chiaramente di crescita e di miglioramento prima di fare trading devi essere prima di tutto un trader e diventare trader vuol dire anche. Diventare una persona migliore sotto tanti punti di vista. Andiamo al terzo terzo pilastro ci avviciniamo verso la parte succosa di questo di questo webinar. L'esperienza è importante per i trader a crearsi una routine quindi mano a mano che ho fatto le mie competenze ho creato la mia operatività si crea una routine quindi un qualcosa che viene allenato costantemente tutti i giorni e tutte le settimane tutti gli anni quindi inevitabilmente osservo il mercato ogni volta lo leggerò in modo diverso leggerò sempre meglio in maniera sempre più approfondita e il mio muscolo del mio occhio sarà anche sempre più allenato a leggere dei movimenti di mercato.

Passeranno le crisi ti farai l'esperienza saprai già che cosa succede quando c'è un movimento violento di mercato ti aspetterà quelli che fanno i movimenti da una parte le persone che hanno paura e dall'altra parte degli investitori banche e governi che tentano poi magari di risollevare la situazione economica e i mercati. Il marzo del 2020 è stato un esempio abbastanza chiaro di tutto questo. Troverai una dimensione che si chiamerà la discrezionalità dentro le regole quella dove si dice impara le regole per romperlo nel modo corretto quindi raggiungerà mai un tale livello operativo . Dove da fuori sembra che tu operi senza assolutamente magari nessuna strategia particolare e sembra che farai un tipo di trading che assolutamente è un qualcosa di inimitabile e unico beh questo sarà ovviamente la tua esperienza ma sarà un una discrezionalità quindi un margine che ti lascerà è sempre aperto che sarà frutto della tua esperienza dove ti permetterà e qualche volta di rompere qualche regola perché hai una tale esperienza e hai una routine alle tue spalle che ti porta a lasciarti la libertà a prenderti la libertà di rompere qualche regola per raggiungere i risultati che vuoi raggiungere.

Ricordati di avere una diversificazione dei flussi finanziari il famoso vivere di trading è una cosa reale ma devi sempre ricordarsi di avere una seconda fonte di reddito anche nello stesso trading. Ok è normale che una persona che è in grado poi di tirar fuori dei soldi dai mercati venga contattata da quelli che sono i broker da quelle che sono le banche da una scuola di trading da una community per fare in modo che quel sapere quelle tecniche che hai imparato quelle lezioni che ha imparato sui mercati vengano trasmesse a qualcuno. Quindi è assolutamente normale che chi fa trading anche lo insegna. Ok. Perché questo trader può venire contattato può dire di no. Certo che può dire di no assolutamente ma magari dice di no perché non gli piace insegnare perché non gli piace comunicare non gli piace aiutare le persone o perché magari non ne ha le capacità perché chi insegna e chi riesce a insegnare quello che fa tutti i giorni sui mercati ti posso assicurare per esperienza in prima persona che aiuta a migliorare o addirittura anche la propria tecnica a fare lo sforzo di riuscire a trasmettere quello che sai a un'altra persona che parte da zero.

Questo non può far altro che migliorare la consapevolezza di quello che tu fai. Quindi il fatto di uscire vivo di trading sì magari fai molti più soldi con un trading piuttosto che con l'insegnamento ma è una diversificazione. Il trading è un'attività estremamente rischiosa che richiede la tua lucidità e la tua presenza fisica e mentale sempre sul mercato al massimo. Quindi se un giorno una settimana o un mese tutti animali oppure vai decidi di andare in ferie oppure decidi di farti un viaggio di nozze e non potrai passare tutti i giorni a fare trading durante magari la tua luna di miele ecco che devi avere un'altra necessariamente fonte di reddito.

Devi essere coperto da chiaramente un'altra entrata quindi la diversificazione degli dei flussi finanziari e questo fa parte dell'esperienza del trader tutti i trader professionisti anche quelli che ti dicono che loro vivono solo di trading in realtà hanno sempre una seconda fonte di reddito perché il trading può essere la tua attività principale certo ma dato che è un'attività molto rischiosa avranno sempre comunque pronta da un'altra parte un'altra fonte di reddito. Anche la stessa lo stesso investimento di più lungo termine è un'altra entrata. Se io da una parte faccio trading intra day con un piccolo capitale ma dall'altra parte ho depositati 500 600 mila euro un milione di euro in un portafoglio che mi stacca dei dividendi tutti i mesi tutti gli anni. Beh quella è una seconda fonte di reddito assolutamente senza nessun tipo di problema. è tutto molto trasparente del tutto molto normale ed è una buona regola finanziaria di buon senso finanziario.

Avere una diversificazione dei flussi finanziari siano essi tutti provenienti dal trading siano essi provenienti da altre mansioni quindi come ho già detto aiutare insegnare inevitabilmente migliora appunto la propria consapevolezza. Veniamo allo step numero 4 la professione. Perché. Un'altra delle domande a cui si risponde molto frequentemente chi si sente ti dicono ok e poi faccio il trader e che lavoro posso fare voi. Beh innanzitutto che la mente inevitabilmente lo puoi fare prima di tutto per te stesso può diventare una fonte di reddito un flusso finanziario dedicato e curato a tutti gli effetti da te.

Ma parlando di quelle che sono le diversificazione lavorative che può avere fare un trader può fare l'analista tecnico l'analista tecnico apre delle possibilità lavorative ad esempio all'interno della nostra community cerchiamo e assumiamo più volte analisti tecnici un analista tecnico potrebbe affiancare un consulente finanziario che potrebbe non avere esperienza di trading sul mercato è il parere di un analista tecnico. Sullo stato di un'azienda su sé sul fatto se è meglio comprarla o venderla in un certo momento o piuttosto che in un altro potrebbe essere un parere fondamentale per la riuscita di quel consulente finanziario tantissimi consulenti finanziari sono affiancati anche magari da un analista tecnico. L'analista tecnico può scrivere articoli per un blog può lavorare per una rivista per Il Sole 24 Ore per un sito internet e scrivere degli articoli dove ci sono le sue competenze sul mercato e quindi dire la sua. Il trader può essere abbiamo visto indipendente per esempio la nostra community un trader indipendente.

Roberto barba può essere un trader istituzionale nella nostra community abbiamo un trader che lavora per un fondo che si chiama Matteo Ross ad esempio quindi un trader può lavorare con un capitale più grande di un fondo e prendere uno stipendio per il fatto che fa produrre a quel capitale dei ritorni o degli obiettivi che il Fondo si è prefissato. Quindi io faccio trading per me. Faccio trading con il capitale anche di un fondo quindi guadagno uno stipendio per il fatto che faccio un prodotto produrrà dei profitti da quel capitale che gestisco quindi il trader istituzionale e ovviamente il trader può essere poi di tante tipologie trader di breve termine di lungo termine i trader di posizione eccetera quindi ci sono tutte le varie sfaccettature. Un altro sbocco lavorativo sono le pause quindi sono delle entità delle aziende delle società che mettono a disposizione del capitale e reclutano dei giovani trader quindi prendono dei trader che magari non hanno la possibilità di fare trading con 50 60 mila euro che sono già un ottimo capitale di partenza e gli fanno fare una Challenger chiaramente di trading simulato. Se a questo Challenger si classificano bene possono entrare in un team di 36 iniziare a lavorare con un capitale magari di 50.000 prendendo uno stipendio. Mano a mano quindi magari i profitti ad esempio di quella di quel capitale gestito una parte se li tengono loro e un'altra parte se li potrà avere la Pro pausa e nel frattempo possono scalare e chiaramente lavorare con piattaforme di livello tecnologico superiore e avere la possibilità di lavorare con dei capitali importanti.

Chiaramente non farti ingannare perché non è che vince la Challenge ed è tutto finito o no perché poi dopo la Challenge devi continuare a produrre sistematicamente quei profitti e quegli obiettivi che hai fatto durante la Challenge quindi deve di tanti che fanno la Challenger la vincono perché Endemol e poi vanno in reale con un capitale di 50.000 60.000 e iniziano a perdere. Chiaramente poi la proposta di mettere un limite non è che puoi perdere e bruciare di tutto il conto quindi se hai un danno maggiore di una percentuale loro ti bloccano un conto e ti fanno ciao ciao e ti mandano a casa. Però questo le proposte danno una possibilità a chi vuole iniziare a fare trading e farlo in maniera

2021-10-30 17:27

Show Video

Other news